Due cuori e una grande Australia da amare

maggio 29, 2013

Marzia, l’eccezionale giornalista di Bigodino.it, proprio oggi ha pubblicato una storia d’amore con una valigia in due, che vi consiglio di leggere qui. Io invece da un po’ di tempo seguo online l’avventura a due di Laura e Filippo, due italiani che hanno un blog “in” viaggio. E’ una bella storia d’amore, anche nei confronti della sconfinata Australia. Ma vi lascio direttamente alle loro parole, buona lettura!

Ragazzi, siete una coppia bellissima, lasciatevelo dire. Seguirvi è un vero viaggio nel viaggio, in Australia e nella vostra vita a due. Qual è il vostro segreto? Che cosa vi unisce in questa avventura?

Siamo due persone con caratteri molto diversi… Uno è più estroverso, chiacchierone ed impulsivo, mentre l’altra è un po’ più riservata e riflessiva. Siamo uno la bilancia dell’altro ed il risultato è quello che traspare dal nostro blog: ci amiamo, abbiamo entrambi i nostri momenti di sana e pura follia e siamo strafelici di condividere ancora una volta un’esperienza in Australia. Abbiamo entrambi voglia di scoprire posti e gente nuova, vivere l’avventura e soprattutto abbiamo entrambi la voglia di metterci in gioco e farcela in un paese così lontano e diverso dall’Italia e qui dall’altra parte del mondo, siamo uno il sostegno dell’altro.

kirra beach

Vi ricordate il preciso momento in cui vi siete detti, occhi negli occhi, partiamo per un anno in Australia? Come è andata?

Eravamo venuti a conoscenza dell’esistenza del Working Holiday Visa, il visto che permette di vivere e lavorare in Australia per un anno prima di compiere i 30 anni, tramite qualche ricerca in internet. Quando Laura ha iniziato a lavorare dopo la laurea, ha conosciuto la sua ex-collega Silvia che aveva trascorso due anni in Australia con lo stesso visto e che appena ne aveva l’occasione, ci raccontava delle sue esperienze, dei magnifici posti che solo qui si possono trovare.. così non c’è stato proprio un momento preciso in cui l’idea si è concretizzata, è nata poco alla volta e solo quando ci siamo resi davvero conto che era arrivato il momento di dare una svolta alle nostre vite, abbiamo prenotato i biglietti e deciso di partire! Avevamo pianificato solo i primi mesi a Sydney e le tappe che hanno costruito il nostro viaggio sono state decise di volta in volta: Non siamo stati mesi a pianificare il tutto: siamo andati d’istinto e il giro in questa foto rappresenta il risultato. Mica male no?

il nostro viaggio

C’è qualche aspetto dell’Australia che vi ha lasciato letteralmente a bocca aperta? Che proprio non vi aspettavate di incontrare sul vostro cammino?

Sicuramente siamo rimasti colpiti dall’ospitalità degli australiani: durante il nostro primo anno abbiamo conosciuto persone meravigliose che ci hanno ospitato a casa loro e ci hanno trattato come nipoti, e una coppia fantastica conosciuta in Tasmania che ci ha invitato a casa loro per cena e per passare la notte a Launceston e che a marzo di quest’anno ci ha ospitato per un mese.. Non so se questa ospitalità la si può trovare così facilmente in Italia!

Ovviamente ci ha lasciato a bocca aperta la natura: il cielo immenso, i paesaggi, i parchi nazionali, gli animali che solo qui si posso vedere, i lavori che mai avremmo pensato di fare e tutto quello che gli sta dietro!

Un’altra cosa che ci ha stupito? Incontrare pensionati australiani che stavano viaggiando da mesi in lungo e in largo: i mitici Grey Nomads che con il loro motto “ADVENTURE BEFORE DEMENTIA” decidono di comprare una nuova 4wd, un bel caravan (magari dopo aver venduto la loro casa) ed iniziano a viaggiare e vivere l’avventura prima che sia troppo tardi! Quanti pensionati italiani fanno lo stesso? In quanti dicono ancora di avere dei sogni da realizzare?

grey nomads

Ci sono aspetti dell’Australia molto difficili da spiegare a chi non c’è mai stato. Per esempio, quanto è bello e basso il cielo. Sembra quasi di toccarlo. Che cosa importereste in Italia idealmente dall’Australia?

Italia e Australia sono due paesi straordinariamente belli ma molto diversi tra loro. Non avrebbe ragione d’essere importare in Italia qualcosa che rende unica l’Australia, come i canguri, gli spazi immensi che si attraversano, la natura… Probabilmente sarebbe bello poter vedere qualche spiaggia chilometrica in una splendida giornata di sole con solo 4 persone che stanno prendendo il sole, avere qualche servizio in più in città come ad esempio qualche bbq gratuito nei parchi o vicino alla spiaggia. Sarebbe interessante vedere se in Italia ricevere gli stipendi ogni settimana o ogni deu potrebbe cambiare qualcosa nella nostra economia o far sopravvivere con un po’ meno fatica qualche famiglia, e sarebbe bello poter avere la burocrazia australiana! Niente giri e rigiri tra vari uffici per avere un documento o lunghe attese per avere delle risposte. Qui tutto viene risolto in pochissimo tempo! Keep it easy mate!

Avete girato in lungo e in largo il continente. Se doveste tracciare idealmente tre tappe da non perdere durante un viaggio di coppia all’avventura in Australia, quale consigliereste?

Oddio, solo tre tappe da consigliare? Come si fa a scegliere?! C’è un paese intero da scoprire e ogni posto ha qualcosa che non trovi da nessun’altra parte! Mentre pensiamo ad un posto da consigliare, ce ne salta in mente subito un altro, e un altro, e un altro… Noi personalmente rifaremmo lo stesso giro per vivere l’avventura ancora una volta in coppia (avendo più tempo aggiungere anche altri posti!) ma se sono solo tre posti che vuoi, ci proviamo….

Per chi vuole un po’ di sano e avventuroso 4wd consigliamo Francois Peron National Park, il Purnululu National Park e il Kakadu National Park. Noi non ci siamo avventurati nel Kimberley, nella penisola di Cape York e Fraser Island… dovevamo tagliare qualcosa se no non arrivavamo in tempo a fine avventura, ma chi ci è stato ha detto che sono posti meravigliosi per una bella avventura con una 4wd.

tour 4wd

Per chi invece vuole un po’ di avventura lungo il mare consigliamo di non perdere il Ningaloo Reef (c’è la possibilità di nuotare con gli squali balena! Questo ci sembra avventuroso, no?), la Grande Barriera Corallina (se avvistate uno squalo quella si che è avventura!) e un atterraggio sulle onde alle Whitsunday Islands.

tour al mare

Per chi invece soffre la lontananza dalla città ma vuole provare un po’ di avventura consigliamo la camminata fino alla cima dell’Harbour Bridge a Sydney, una cena all’Overlander Steakhouse qui ad Alice Springs (così potrete dire di aver mangiato il cibo tipico del centro Australia… cammello, emù, canguro e coccodrillo) e parlando di coccodrilli, un’immersione nella Cage of Death al Crocosaurus Cove a Darwin (questa potete farla in coppia – ensate, potete farvela addosso in coppia mentre siete immersi in una vasca con un bel coccodrillo che misura più di 6 metri di lunghezza! Ahahahah!)

tour in città

Ops! Sono più di tre! Tre posti diversi per tre tipi di viaggio all’avventura diversi… va bene lo stesso?! ; )

Quali saranno i vostri prossimi spostamenti? Dove possiamo continuare a seguirvi?

Sicuramente staremo ad Alice Springs per un po’ di mesi visto che abbiamo trovato entrambi un lavoro che ci piace. Filippo è ufficialmente guida turistica per i parchi nazionali di Uluru, Kata-Tjuta e Kings Canyon, quindi sarà quasi ogni giorno da quelle parti pronto a raccontarvi aneddoti e retroscena dei suoi tour, mentre Laura lavora in farmacia e forse molto presto avrà anche lei l’opportunità di vedere posti nuovi ma da una prospettiva diversa! Vi teniamo sulle spine!

E dopo che scadranno i nostri contratti chi lo sa che succederà! Viaggio fuori dall’Australia per rinnovare la MediCare e festeggiare il trentesimo compleanno di Laura o un altro viaggio a bordo della vecchia Pajero, magari in un angolo d’Australia che ancora non abbiamo visitato. Vediamo cos’ha in serbo per noi il futuro! Lo scoprirete solo se continuerete a seguirci sul nostro sito.

jump

I loro riferimenti!

unaustralianno

Web site: www.unaustralianno.com
Facebook: www.facebook.com/UnAustralianno
Twitter: twitter.com/UnAustralianno
YouTube: www.youtube.com/user/flaustralian

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>